Poste – Rovello Porro

Nuovo edificio sede Ufficio Ente Poste S.p.A. a Rovello Porro (Como)

Committente: Comune di Rovello Porro
Località: Rovello Porro, Como
Periodo: 1999/2001
Importo lavori: 361.500,00 €

Il progetto per il nuovo edificio postale di Rovello Porro trae origine dal confronto con la pregevole architettura antistante della Chiesa principale del paese. L’imponente mole di quest’ultima è definita da un articolato gioco volumetrico che identifica chiaramente gli elementi che costituiscono l’edificio sacro.

I volumi della navata principale , le due ali del transetto, la zona dell’altare, le cappelle laterali lungo le navate laterali ed il maestoso campa-nile, quanto ad altezza, si rendono infatti immediatamente leggibili anche dall’esterno. Il progetto prende spunto da questa evidente caratteristica della vicina Chiesa per definire l’impianto volumetrico del nuovo intervento: L’edificio postale si articola infatti nella serie di volumi snelli dei lucernari, di altezze differenti,paralleli tra loro e raccordati da altri volumi più bassi, che si rastremano verso l’alto e defini-scono chiaramente un gioco di volumi analogo a quello della Chiesa, pur con dimensioni molto inferiori. La nuova posta si colloca su un lotto d’angolo tra due strade e dalla sua forma triangolare trae il proprio disegno in pianta, basato appun-to sul triangolo con due cateti paralleli alle strade.
L’ingresso si trova sull’angolo tra le strade, in corrispondenza del vertice del triangolo, definito da una pensilina sospesa con tiranti ancorati al volume del primo lucernario. Un’altra pensilina sul retro, antistante il fronte opposto, protegge l’arrivo del furgone portavalori. La parte retrostante del lotto è organizzata a verde e a parcheggi su prato armato.
Le vetrate dei lucernari rigirano anche lateralmente scendendo verticalmente fino allo zoccolo in cemento armato a vista rigato, che protegge la parte bassa dell’edificio lungo tutto il perimetro.

Tutte le vetrate sono protette con un sistema di frangi sole a lamelle in acciaio zincato che svolge la funzione principale di anti intrusione:in questo modo il sistema di sicurezza che normalmente è costituito da barre metalliche o grate estremamente anti estetiche, diviene al contrario l’elemento architettonico che caratterizza la facciata principale dell’edificio.
La copertura in lamiera di alluminio pre verniciato, le scossaline e i pluviali hanno colore bruno come i tetti della vicina Chiesa.
L’intonaco di facciata è colorato in pasta con tonalità ocra che riprende il colore della pavi-mentazione dei nuovi marciapiedi adiacenti l’edificio, lungo le due strade, in masselli di cemento vibro compresso colorato.